Apritela ‘sta portiera – Vademecum per maschi vol. 1

Vademecum per maschi vol. 1

Il punto non è che ci raccontano troppe favole fin da piccole.
Il succo del discorso è che è tutta una questione di good manners, savoir faire, galateo o, per dirla tutta, un po’ di furbizia.
Diffidate uomini dalle donzelle che vi dicono “Ah, San Valentino… che festa consumistica“, perché anche la più puritana tra noi che dice una cosa del genere, MAI davanti ad una rosa o ad un cioccolatino vi risponderebbe “Vade retro simbolo del materialismo capitalista“.

Voi uomini vi lamentate spesso di noi donne, delle nostre richieste, di quello che vorremmo da voi.
Il punto è che se solo vi faceste più furbi, mettereste a tacere le litanie di noi femmine e ci fareste fesse e contente.

Quindi maschi alfa, smettetela di lamentarvi e di cercare di andare contro il “sistema femminile”.
Più semplicemente osservate – con costanza – poche semplici regole che non faranno altro che rendervi la vita più facile e guadagnare punti anche per il futuro (nessuna ex si lamenterà del fatto che eravate burberi, crumiri e senza iniziativa).

Coraggio, ma con sobrietà – Iniziamo con il dire che non è una questione di ruoli o di schemi.
Ma anche sì. Lasciateci fare le femministe, ma nel corteggiamento fate pure i maschi della prateria (e noi donne… lasciamogli almeno questa soddisfazione).
Uomini, evitate i commenti a voce alta, soprattutto se avete un americano in mano.
Non condividete con il branco se la bella donzella ha un bel fondoschiena, perché nel branco c’è sicuramente un maschio alfa più skillato (e poco fedele alla regola dell’amico) che riuscirà a soffiarvela prima che i vostri occhi salgano verso l’alto.
Ci piacciono gli uomini brillanti e ironici, diretti sì, ma con garbo.
Se lei vi piace, siate educati, no alle volgarità, e siate voi stessi (non sfoggiate un vocabolario che non vi appartiene o camminate che non potete sostenere).

jude2

Il telefono può anche fare telefonate – Usate quel maledetto iPhone per chiamare, basta messaggi.
Sì, ok. Noi donne nel 2014 amiamo lamentarci del fatto che non ci scrivete… “digitazione” e poi niente.
Con chi stava online se non mi risponde?“.
Ma vogliamo parlare del fascino di una chiamata di 30 secondi solo per dire “Buongiorno“?.
Appurato che tanto non siete in grado di fare pipì e mandare in contemporanea un messaggio, perché tutto avete tranne che il dono del multitasking, provate a concentrarvi sulla funzione “chiamata” del vostro telefono.
Ok, magari noi siamo logorroiche e la telefonata da 30 secondi rischia di diventare lunga 15 minuti a causa di divagazioni. Ma tentar non nuoce.

Non fate tanto i moderni, che se poi avete la febbre chiamate la mamma – Non esiste il “ci vediamo alle 19.30 in Piazza delle Erbe“, esiste solo “alle 19.30 passo a prenderti sotto casa“.
Non iniziate a lamentarvi, è così punto e basta.
Al secondo anno di fidanzamento, se non convivete e abitate a 45 km di distanza vi concedo che ogni tanto ci si possa trovare in un posto a metà strada o direttamente sul luogo dell’incontro.
Fatto lo sforzo di andare a prendere la dolce pulzella, giù le mani da quel cellulare che tanto di sicuro non state scrivendo a lei.
Scendete dall’auto, APRITELA QUESTA PORTIERA (+ 50 punti).
Chissenefrega se sua madre vi guarda da sopra con il sopracciglio inarcato, prima o poi potreste incrociarla per strada – la suocera – e non sfuggireste comunque al suo commento impietoso sul vostro conto.

Alla romana, solo la pizza – Per favore, offritele la cena, non è old style.
Avete tutta la vita per fare a metà. E vi dirò che una ragazza “come si deve” ha piacere anche di offrirvi la cena e l’aperitivo, perché non vorrà sentire che dipende da voi.
MA vuole accanto a se’ un uomo, che fa quel tanto discriminato gesto. Prendetevi la briga di fare il cacciatore e procacciarle del cibo, galateo a parte. Se poi è una scroccona viziata… allora è un altro discorso. Ma qua si sta parlando di ragazze per bene.

Noi non ci facciamo regali – AL ROGO! Che menzogna! Mi ripeto, nessuna ragazza mai vi dirà “vade retro” davanti ad un regalo.
Ma mi raccomando alle caratteristiche del regalo: pensato e dedicato.
Non importa il valore, importa il pensiero e l’esclusività.
Se siete di quelli che “San Valentino è ogni giorno, non il 14 febbraio” va bene, ve lo concedo…
MA un cioccolatino o un post-it con scritto “Ti amo, buon San Valentino” non vi farà bruciare all’inferno.
Ha tutto, non le serve niente“.
ERESIA. A noi donne serve sempre qualcosa e ve lo ricordiamo costantemente (in maniera subdola magari), ogni volta che apriamo bocca.
È che al 90% delle volte voi attivate lo screen saver “si, tesoro” e non recepite mezza parola.
Riflettete.
Meditate.
Pensate a tutte le volte che vi ha fatti fermare davanti ad una vetrina. Tutte quelle volte c’era un’ispirazione per voi. Pensate a quando vi racconta di una sua amica, o si lamenta che non ha niente da mettersi ma che ha una wishlist infinita su Net a Porter.
Ricordatevi che una donna ha sempre delle amiche, amiche che sanno persino come deve essere l’anello di fidanzamento perfetto.
E poi, la regola d’oro, seguite l’istinto.
Se lei vi ha scelto, un motivo ci sarà. Quindi quando i vostri due neuroni si collegano e fanno la scintilla davanti ad un oggetto, magari è il segnale che avete di fronte qualcosa di perfetto per rubarle un sorriso.

Ehi, sappiamo pensare e parlare – Sapete vero che noi donne siamo loquaci e che amiamo argomentare tutto, persino il menù del ristorante giapponese.
Siamo sensibili, mediamente intelligenti e vediamo le cose da un punto di vista che per forza di cose (siamo femmine) è spesso diverso dal vostro. Chiedeteci un parere.
Anche perché non credo sprechereste del tempo con una ragazza di cui non vi fidate o che non ritenete intelligente.

La competizione è tra donne – Last but not least, ok non siamo famose per il gioco di squadra tra donne. Ma nasciamo con la definizione di “compagno per la vita” nel dna. Quindi, sfruttate il supporto della vostra donna, che può essere una fedele amica, prima che amante.

jude

Annunci

4 thoughts on “Apritela ‘sta portiera – Vademecum per maschi vol. 1

  1. Sagge parole! E che i maschi appendano questo azzeccatissimo vademecum ai muri delle loro case! Da incorniciare e, of course, applicare alla regola! Brava! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.