Facciamo finta che non sia il mio compleanno

20 febbraio 2014 _ In qualche mondo parallelo

29

Il compleanno che non c’è inizia presto.

Apri gli occhi e sul cuscino accanto al tuo trovi un bigliettino: “Alzati pigrona che il caffè si raffredda“.

Salti la tappa in bagno e ti fiondi in cucina.. caffè e fette biscottate con la Nutella (perché oggi è un po’ come domenica).
Accanto alla tazza ancora fumante una rosa e un altro bigliettino: “Ti aspetto sotto casa alle 7.00 già vestita (vedi pacco sulla sedia). Buon Compleanno… (sorridi!)”.

GiftCon le mani sporche di Nutella e la bocca strabordante ti giri e cerchi la sedia incriminata.
Eccolo lì, pacchetto nero, fiocco bianco… Tenti di sfilare il fiocco, senza imbrattare tutto di Nutella, ovviamente finisce che strappi via tutto e l’unica cosa che ti rimane è la bocca aperta, spalancata davanti al tuo regalo.
L’abito perfetto, per la cena perfetta, con il tuo uomo perfetto.

Un’occhiata all’orologio e sei già tardi… Ma è come Natale e tu è come se avessi 10 anni.

Inizia una concitata fase di entusiasmo primordiale, arricchita da gridolini di entusiasmo ed eccitazione mentre ti sfili tshirt e leggins e indossi il tuo magnifico regalo.
Nonostante il capello arruffato, gli occhi gonfi, i segni del cuscino e le labbra sporche di cioccolato, quando ti guardi allo specchio non puoi trattenere le lacrime.
Riguardi l’orologio, e chi se ne frega del ritardo.. Conti solo le ore che ti separano dal tuo secondo regalo.

Ti infili in doccia, ti vesti senza pensieri, monti in macchina e lo chiami.
Che grazie a volte è riduttivo, che non sai mai come esprimere certe sensazioni. Che chissà come si ricambiano certe emozioni.
Non è l’entusiasmo per un vestito, è l’immensità racchiusa in un pensiero perfetto che qualcuno ha avuto per te racchiuso in una giornata che è tutta un’attesa.

In ufficio tutto scorre, il sorriso è una costante.
Arriva il momento di correre di nuovo a casa per godersi il dolce di questa giornata.
Mentre ti prepari pensi solo ad essere bellissima per lui.
Per lui, che anche dopo la giornata più stressante del mondo sei sempre bellissima, che anche con gli occhi gonfi sei sempre la sua meravigliosa creatura.

20140211-224048.jpgQuando arriva a prenderti inizia il momento perfetto, quell’istante che vorresti non finisse mai. Un attimo che vorresti assaporare il più a lungo possibile. Cerchi di fotografare ogni cosa, ogni sensazione, ogni sguardo, ogni sorriso, ogni parola. Per paura di perdere tutto, perché domani… Chissà.

È quel suo sguardo, quel modo in cui ti guarda.
Come lui nessuno mai.
È quella sensazione di pienezza.
Che l’amore è abbastanza.
Qui ed ora.

Come ti tiene la mano mentre cammina al tuo fianco, come è attento a tutto per non farti mancare niente (come se mai qualcosa potesse mancarti).

A volte ti ruba le parole, ti anticipa, ti legge nei pensieri.
Proprio come quando sa che la cena perfetta è già perfetta così com’è … Ma che se iniziamo a cenare dal dessert possiamo renderla ancora più dolce.

E quando è ora di concludere la giornata, come fai a descrivere o a raccontare tutte queste emozioni.
Puoi solo sperare che lui ti legga dentro anche quando vuoi fargli capire quanto lo ami, quanto tutto questo è abbastanza.
Per te, per sempre.

20140211-224538.jpg

20140211-224057.jpg

20140211-224405.jpg

20140211-224530.jpg20140211-224520.jpg

Vote Me!

Grazia

Annunci

2 thoughts on “Facciamo finta che non sia il mio compleanno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...