Storia di un amore a rate

Tutto è iniziato cinque anni fa.
28 maggio 2008.

Sceglierti è stato un passo importante, un gesto di indipendenza, la consapevolezza di molti sacrifici, un impegno a lungo termine.

Ti ho scelto fra tante possibilità, quasi da catalogo.
Per te ho firmato il mio primo impegno importante … A rate.

Con te ho percorso una parte importante della mia vita, mi hai accompagnata lungo strade impervie, insieme abbiamo raccattato più volte i tuoi pezzi per strada.

Hanno tentato di fermarti, ma sei sempre ripartita. Tu e il tuo essere un po’ Abarth, rombo di tuono, nonostante tu (noi) non c’è lo siamo mai potute permettere.

Hai vissuto con me una parte importante della mia vita, mi hai accompagnata durante i primi giorni di lavoro, ai primi appuntamenti.

Hai fatto finta di niente durante pomiciate imbarazzanti, hai suonato musica diventata colonna sonora di molti momenti fantastici.

Sei stata anche insultata, a volte ti ho lasciata sbattendo le porte… Ti ho incenerita e nauseata per le troppe sigarette, ma ti ho sempre considerata la mia grande compagna.

Ho imparato che non c’è solo la spina di pesce, ma che insieme ce la possiamo fare anche in retromarcia.
Ti ho lasciata accompagnare e guidare dagli uomini che, ad oggi, sono stati tra i più importanti della mia vita.
Uno degli ultimi direi con prestazioni spettacolari, peccato tu non fossi una due ruote KTM.

Mi hai portata a casa anche durante serate delle quali non ho ricordi, mi hai vista piangere, ridere, imprecare… Amare.
Siamo state coraggiose insieme, ne abbiamo fatta di strada.

E oggi, pochi giorni dopo la 72esima e finalmente ultima rata, a pochi giorni dal tuo quinto compleanno… Proprio ora che avevo deciso che potevamo stare ancora un po’ insieme, tu sei in terapia intensiva.
Domani ti abbandono non so per quanto, sperando di riaverti con me.

Per me è per molti, sei e sarai sempre la mia Dolce Kermit Girino Acquatico.
Ora lasciami piangere in un angolo per l’ennesimo mutuo a 12 milioni di rate che dovrò fare.
Spero di riabbracciarti presto mia piccola Aygo.
E giuro, che se sarai di nuovo tra le mie mani, ti porterò nella concessionaria (quella originale) a cambiare la lampadina del freno e ci facciamo fare anche un preventivo per il pulsante dell’aria condizionata, così non devo più infilzarti con stuzzicadenti e forcine per avere un po’ di fresco.

Con affetto, la tua devota pilota.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...